BOTTONI [1]

BOTTONI [2]

giovedì 1 marzo 2018

#gay ustionato e picchiato in famiglia

Terribili violenze in famiglia subite per mesi: schiaffi, pugni, ustioni sulle caviglie provocate spargendo benzina e dandogli fuoco. E' quanto denunciato alla 'Gay Help Line' da un ragazzo di 14 anni della provincia di Napoli.

La denuncia è partita tramite un esposto fatto da Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, che - con il supporto legale di Arcigay a Napoli - ha formalizzato alle forze dell'ordine quanto esposto dal ragazzo e, con il supporto congiunto con il Miur e Oscad (Osservatorio contro le discriminazioni della polizia di Stato), ha monitorato quotidianamente la situazione tramite il commissariato di polizia competente sino a quando la Procura di Napoli, ascoltato il ragazzo, ha deciso di trasferirlo in una struttura protetta.

INDAGINI - "Ringraziamo il Miur e l'Oscad per il supporto fornito, che ci ha consentito di mettere in sicurezza il ragazzo - si legge in una nota di Gay Center -. Restiamo in attesa di conoscere i risvolti delle indagini, compresi i provvedimenti verso tutte le persone che sono state testimoni o erano informate delle violenze e non hanno denunciato".


GAY HELP - "Ogni anno oltre 20mila persone contattano il numero verde 'Gay Help Line' 800 713 713, di cui oltre 7mila sono minori e di questi oltre 300 vivono situazioni gravi di violenza familiare e purtroppo non sanno a chi chiedere aiuto - ha dichiarato Marrazzo -. Quando i ragazzi raccontano quello che vivono a scuola e ai servizi sociali le loro storie vengono spesso sottovalutate o, in alcuni casi, sono gli stessi adulti che dovrebbero tutelarli a esprimere pregiudizi su lesbiche, gay e trans".


SUICIDI - "Servono dalle istituzioni strumenti a tutela dei minori che subiscono violenze anche attraverso una rete di servizi integrati per supportare i giovani e giovanissimi lesbiche, gay e trans - ha concluso il portavoce del Gay Center - che oltre ad essere spesso vittime di bullismo, vivono un vero e proprio inferno a casa che, come abbiamo purtroppo spesso riferito, ha portato anche al suicidio di molti giovanissimi".

0 commenti: