PUBBLICITA' - WIND

BOTTONI [1]

BOTTONI [2]

giovedì 1 giugno 2017

Gajamente Critical Forum Glbtq è in vacanza


… ci becchiamo a settembre; buone vacanze !

Vi ricordiamo però i prossimi appuntamenti “estivi”.

Fino ad agosto #gaypride in tutta Italia; scopri le date e dove su www.prideonline.it/italy-pride-2017.

Il prossimo undici luglio ricorderemo Paolo Seganti.

Nella notte tra l´undici e il dodici luglio 2005, all´interno del Parco delle Valli (Montesacro), Paolo Seganti veniva torturato e ucciso perché gay. Aveva 35 anni, operava per gli altri e il suo assassino non è mai stato consegnato alla giustizia.

L´omicidio scosse profondamente la comunità lesbica, gay e trans romana e italiana che reagì contro la violenza omofoba con una fiaccolata in Campidoglio alla presenza delle Istituzioni cittadine.

A undici anni di distanza dalla sua morte vogliamo ricordare ancora Paolo, perché quello che è successo a lui non avvenga mai più e per ricordare, con lui, tutti gli uomini e tutte le donne omosessuali e transessuali vittime dell´omofobia e della transfobia, tutte le persone che subiscono violenze.

Ad agosto due gli appuntamenti commemorativi per la “comunità varia” tutta.

Il 15 agosto, i compagni e le compagne di Gajamente Crtical Forum Glbtq si recheranno al Cimitero 'Flaminio' di Prima Porta a rendere omaggio ad Anselmo Cadelli.

Anselmo Cadelli; sardo, 50 anni, una vita avventurosa dietro le spalle. Anselmo Cadelli appartiene alla seconda generazione del movimento gay italiano. Tra le tante cose che ha fatto, c'è da ricordare che fu lui, il 12 luglio del 1978, a dirigere l'occupazione della palazzina in via Campo Boario n. 22, quella che diventò l'ormai mitica (e la prima) "Gay House" e dalla quale l' "Ompo's" [ la più antica associazione culturale gay ] venne scacciato perché i lavori di ristrutturazione dell'ex mattatoio sarebbero dovuti cominciare da lì a pochi giorni. Molteplici le sue iniziative insieme al suo amico sodale Massimo Consoli. autore e regista del film-documentario sul lager di Sachsenhausen.

Se volete ricordare Anselmo assieme a noi, se non avete nulla di meglio da fare, l'appuntamento è alla sua lapide al Cimitero 'Flaminio' di Prima Porta in tarda mattinata, intorno alle ore 11.00 .
[riquadro n.113 bis, fila n.53, fossa n.3]

Anni fa, Alba Montori (Associazione “Fondazione Luciano Massimo Consoli”) si occupò personalmente del recupero e del restauro della lapide.

Invece, il 27 agosto prossimo ricorderemo il “nonno frocio”; Karl Heinrich Ulrichs.

Ulrichs nato il 28 agosto 1825, eroe della lotta di emancipazione e liberazione omosessuale, che consideriamo il "Nonno Gay" del movimento di liberazione omosessuale mondiale.


L'appuntamento è per tutti alle ore 12.00 davanti all'ingresso principale del Cimitero Monumentale de L'Aquila [piazza Olivetani], dove visiteremo la sua tomba.

maggiori informazioni su 
saichetuononnoeragay.blogspot.it, sites.google.com/site/saichetuononnoeragay, facebook.com/saichetuononnoeragay.

"Fino al momento della mia morte guarderò con orgoglio indietro a quel giorno, 29 agosto del 1867, quando trovai il coraggio di lottare faccia a faccia contro lo spettro di un'antica idra irata che da tempo immemorabile stava iniettando veleno dentro di me e dentro gli uomini della mia stessa natura. Parecchi sono stati spinti al suicidio perché tutta la loro gioia di vivere era sciupata. Infatti, sono orgoglioso di aver trovato il coraggio di assestare a questa idra il colpo iniziale del pubblico disprezzo".

Attraverso letture ed interventi ricorderemo il suo incredibile coming-out, in occasione del suo 42° compleanno, probabilmente il più drammatico e coraggioso della storia GLBTQ, oltre che il primo di cui abbiamo notizia, che gli è costato persecuzioni, esilio, povertà.

Lo ricorderemo per rinnovare il nostro impegno a lottare concordemente assieme per far sì che l'omofobia, "antica idra irata" scompaia al più presto e definitivamente dal costume sociale.










PUBBLICITA' - GIORDANO