PUBBLICITA' - RISTORANTE IL FEUDO

BOTTONI [1]

venerdì 27 gennaio 2017

#giornatadellamemoria; una poesia di Piero Montana



Agli omosessuali sterminati nei lager nazisti, Piero Montana dedica la sua poesia " Agli uomini del triangolo rosa".

A volte
Se con la mente
Indietro nel tempo
Ripercorro il filo
Della storia
Quel filo del racconto
All'inizio immaginario
Insanguina le mie mani
Ferite
Straziate
Dalle spine di ferro
Conficcate
Che l'attorcigliano
Nel tracciato metallico
Dei reticolati

Nell'aggrapparsi alla memoria
Il senso della storia
Nella quotidiana banalità
Del male
Non è indolore

Non è indolore seguire le piste
Scoprire le tracce del crimine
Giungere
Al culmine dell'orrore
Alla scena del massacro
Consumato
Dentro uno squallido
Fossato
Ricolmo
Di nudi
Innumerevoli cadaveri

Non è indolore il macabro
Spettacolo

Non è indolore lo scotto
Dell'orrore
Di una fossa comune
Scavata sulla terra
Nuda
A fuoco
Impressa
Nella materia grigia
Della memoria

Come una corona di spine
Deposta sulla testa del Signore
Quel filo di ferro
L'ho visto in filmati
Del'45
Steso sui pali
A delimitare
I campi di sterminio

Di là di quel filo
Il silenzio di Dio
Il buio della storia
L'inenarrabile dolore
Di quanti non scamparono
Ai forno crematorio

Di là di quel filo
Le lacrime
Lo strazio
Una folla di volti
Smarriti
Estatici
Nella rassegnazione
Del martirio

Di là di quel filo
Le umiliazioni
Le stigmate
La vergogna
Dei miei simili

In una foto d'epoca
Con la divisa a righe
Il triangolo rosa
Sul petto stampigliato
Una colonna d'internati
Scortata dai nazisti
Marcia
Nel gelo invernale
Tra le baracche
Di un campo

Avviati per prima
Alle camere a Gas
Sono omosessuali
Con disprezzo
Costretti
Ai lavori più vili
Gravosi
A pulire le latrine
Del lager

Sul loro cammino immagino
Il destino dei paria

Sul loro cammino
Senza via di scampo
Per i più non ci fu
Ancora di salvezza
Grazia

Senza pietà
Caddero
Nei lager

Di recente
A Berlino
Ho visitato
Un monumento
Dedicato alla memoria
Degli uomini
Del triangolo rosa

Ma in quell'anno della liberazione
Nel '45
E per tanti anni ancora
A venire
Nessuno ne ricordò l'eccidio
Sulla loro scomparsa
Sulla loro fine
Nei campi di sterminio
Fu steso un velo di silenzio
Per vergogna
Immagino
In quel tempo
Nessuna lacrima
Fu versata
Neppure dai fratelli
Della tragedia
Sopravvivendo
A lungo
L'indifferenza
Di quanti
Di questa buia pagina
Di storia
Innanzi
All'evidenza
Chinando
Scuotendo la testa
Dicevano
Di non voler
Sapere
Niente


0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO