PUBBLICITA' - RISTORANTE IL FEUDO

BOTTONI [1]

sabato 4 giugno 2016

raid punitivo per troncare l'amore gay del figlio : tre mesi di prognosi alla vittima, indagato un professionista

L'agguato a una stazione di servizio: pugni, bastonate e pistola puntata. Si pensava a rapinatori, poi i carabinieri sono risaliti al padre. Arcigay nazionale: "Caso di gravità inaudita, serve subito una legge contro l'odio omotransfobico"

Ha pestato a sangue l’amante del figlio, mettendo in piedi una vera e propria spedizione punitiva, per interrompere la loro relazione omosessuale. Lui è uno stimato professionista di Alba, nel Cuneese. Il figlio ha da poco compiuto 18 anni e da qualche mese aveva intrecciato una relazione con un giovane marocchino di qualche anno più grande di lui. Quando il padre se ne è reso conto è andato su tutte le furie. Ha cercato di dissuadere il figlio dal frequentare il giovane, ma non è servito a niente. Allora ha deciso di pensare lui a mettere la parola fine a quella relazione. Una notte, assieme a un amico suo complice, ha aspettato il marocchino ad un distributore di benzina a Benevello, sempre nel Cuneese, e lo ha riempito di botte. Nel blitz punitivo ha avuto la peggio un amico italiano del ragazzo omosessuale che era in macchina con lui ed è finito all’ospedale con una prognosi di tre mesi.  Il marocchino se l’è cavata con una prognosi di una ventina di giorni.

L’aggressione risale a due settimane fa. Per giorni nei paesini delle Langhe si era parlato di una banda di rapinatori in azione nella zona. Ma la storia era ben diversa: dopo qualche settimana di indagini i carabinieri sono riusciti a capire il vero motivo del raid, a identificare gli autori e a denunciarli per lesioni, minacce aggravate e danneggiamento. Quella notte il 18enne e il suo amante si erano dati un appuntamento non lontano dal distributore Erg di Benevello. Il padre era riuscito a saperlo e con un amico, un artigiano di Alba, aveva preceduto il figlio. Armati di mazza e di una pistola che il professionista possedeva regolarmente si erano appostati al distributore.

Non conoscendo di viso il marocchino hanno agito un po’ alla cieca: hanno fermato una macchina con a bordo un ragazzo italiano: dopo avere spaccato i finestrini lo hanno malmenato prima di accorgersi di aver sbagliato persona. Poi è arrivata la macchina giusta. Il marocchino e un amico sono stati aggrediti e picchiati, poi gli aggressori sono fuggiti lasciandoli nel parcheggio del distributore. Esaminando le telecamere della zona e ascoltando le deposizioni delle tre vittime i carabinieri di Cortemilia sono riusciti a ricostruire il puzzle e arrivare fino al professionista che, di fronte ai militari, non ha ammesso nulla.


"Un episodio di gravita' inaudita, un allarme che deve essere affrontato con urgenza dal Parlamento" dice Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay, commentando la vicenda, e aggiunge: "Questo caso accende ancora una volta i riflettori sul l'omotransfobia del nostro Paese e sul livello di legittimazione sociale e culturale su cui questo fenomeno puo' contare. Questi sono gli episodi per fronteggiare i quali chiediamo una legge contro l'omotransfobia che punisca con severità atti di questo tipo che non possono essere incasellati solo come aggressioni e violenza privata, ma che devono essere trattati per quello che sono, cioe' crimini d'odio. Servono percio' specifiche aggravanti, le stesse che chiediamo da anni, invano, alla politica. L'assenza di queste aggravanti contribuisce a derubricare come meno gravi le aggressioni a sfondo omotransfobico, creando un ignobile senso di tolleranza e legittimazione culturale rispetto a queste violenze. Di tutto questo fanno le spese giovani ragazze e ragazzi, la cui unica colpa e' di voler vivere liberamente i propri affetti".

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO