PUBBLICITA'- RISTORANTE IL FEUDO

BOTTONI [1]

domenica 1 maggio 2016

Marco Sanna, sessanta anni mancati

Marco Sanna (1956 - 1990)

Marco è stato prima di tutto un grande amico. Ed un amico grande (benché fosse piccolino di statura). Abbiamo avuto la fortuna di incontrarlo, una grazia e un’ intelligenza ironica senza uguali. Era impossibile resistergli: sapeva essere serio e profondo, analitico e lucido, senza perdere un grammo della sua capacità di divertire e divertirsi; e così era trascinante per tutti noi, checca pazza ed intellettuale, seduttore scaltro e bambino giocoso e candido. E anche serio e pensieroso.
Sapeva essere maschile e sapeva imporsi. Sapeva essere femminile, e la sua femminilità era un’arma, una maschera, la rappresentazione di una identità mutevole.

Aveva a cuore la politica ed i diritti gay e si era impegnato a fondo, inventando insieme a pochi altri il Collettivo Narciso e la Pagina Frocia su Lotta Continua. Poi insieme ad alcuni di noi ha fondato il Circolo Mario Mieli.

Quando si è ammalato di Aids è stata una tragedia, per lui e per tutti noi.

Una delle cose che diceva più spesso era: “Per me, prima di tutto, contano i diritti civili e le relazioni umane, le amicizie”. E intendeva dire che per queste cose vale la pena di vivere e di lottare.

Buon sessantesimo compleanno, Marco!


Andrea Maccarrone

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO