BOTTONI [1]

sabato 12 dicembre 2015

in Arabia Saudita le donne al voto per la prima volta

Per la prima volta hanno potuto votare, e potranno essere elette, anche le donne: in Arabia Saudita è un giorno storico. La decisione era stata presa con un decreto reale nel 2011 dal re Abdullah bin Abdelaziz, morto lo scorso gennaio. 

Ad essersi registrate per poter votare sono state più di 130.000 donne, rispetto ai 1,35 milioni di uomini, mentre ad essere presenti nelle liste sono circa 980 cittadine che concorreranno con oltre 5000 uomini per aggiudicarsi due terzi dei seggi (un altro terzo verrà nominato direttamente dal governo). 

Dal momento che alle donne non è concesso guidare la macchina, Uber offre loro passaggi gratis per recarsi a votare, con l'obiettivo di sostenere l'affluenza femminile alle urne. 

L'opinione pubblica saudita, tuttavia, non sembra aver visto di buon occhio l'eccezionale novità. Secondo un'indagine del Centro studi Esbar, il 72,5 % dei sauditi non appoggia la candidatura femminile alle elezioni, l'11,3 % la sopporta mentre l'8,7 % l'accetta. Per il 69,5% di coloro che la rifiutano la motivazione è che "questa decisione viola la legge islamica", mentre per il 63,8% va a ledere le tradizioni e le usanze del Paese.
Durante la campagna elettorale alle donne è stato sì concesso di pronunciare discorsi, ma solo dietro paraventi o facendosi rappresentare dagli uomini, e i seggi sono separati per uomini e donne. 

Le urne si sono chiuse alle 15.00 e stando a quanto si apprende dai primi risultati l'affluenza è stata al di sotto delle attese, ma quella femminile sembra essere stata, per ora, più alta di quella maschile.

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO