PUBBLICITA' - RISTORANTE IL FEUDO

BOTTONI [1]

lunedì 2 novembre 2015

Pier Paolo Pasolini, quaranta anni dopo

Pier Paolo Pasolini, quarant’anni dopo. Questa pianta d’ulivo fu messa a dimora (presso il Parco Letterario “Pier Paolo Letterario ospitato dal Centro Habitat “Mediterraneo” della Lipu all’Idroscalo di Ostia) il trentuno marzo del duemiladodici, poco più di un mese dopo la scomparsa di Riccardo Peloso; la cui vita si intrecciò con quella di Pier Paolo Pasolini, Dario Bellezza e Massimo Consoli.
Fu proprio Massimo Consoli, dal millenovecentosettantacinque a dare vita ad una serie di iniziative per ricordare il poeta friulano; particolare menzione per il premio letterario “Triangolo Rosa” (la prima edizione fu vinta dallo scrittore e poeta Piero Montana) e per la prima “marcia gay” (trenta ottobre millenovecentosettantasei) alla quale parteciparono Dario Bellezza, Riccardo Peloso e parecchi esponenti del Partito Radicale. Nel millenovecentoottantasette per volontà di Massimo Consoli, Riccardo Peloso ed Anselmo Cadelli (ultimo presidente della più storica associazione gay, l’ “Ompo’s”) fu istituita l’operazione “notte buia”.


Riccardo Peloso fu prezioso collaboratore di Renato Nicolini; insieme, attraverso il teatro all'aperto, con Peter Brook e Memé Perlini, e gli appuntamenti di poesia e letteratura a Castel Porziano, con Allen Ginsberg e Gregory Corso, hanno ripetutamente ricordato l’opera di Pier Paolo Pasolini.

Oggi, gli amici dell’Associazione “Fondazione Luciano Massimo Consoli” insieme agli amici del Centro Habitat “Mediterraneo” della Lipu hanno ricordato Pier Paolo Pasolini. a tutti loro, il mio affettuoso grazie.


Paolo Violi

PUBBLICITA' - GIORDANO