BOTTONI [1]

BOTTONI [2]

venerdì 16 maggio 2014

Giuseppina La Delfa : " potete stappare lo champagne, i vostri figli hanno legalmente due madri ! "

Il 7 ottobre 2013, non appena la legge francese per il matrimonio ugualitario e stata approvata dalle camere, Raphaelle e io ci siamo sposate a Tourcoing nel nord della Francia, dove siamo nate e cresciute.

Ci siamo sposate, dopo una vita in comune che perdurava da 31 anni, per tanti motivi, pratici e romantici ma soprattutto perché il matrimonio ci avrebbe permesso un passo molto più importante, quello di adottare come lo prevede la legge il figlio del coniuge. Così il 9 ottobre abbiamo fornito tutta la documentazione alla nostra avvocata di Lille per iniziare la procedura di adozione plenaria incrociata. Cioè ho chiesto di potere adottare mio figlio Andrea messo al mondo da Raphaelle e lei ha chiesto di potere adottare nostra figlia Lisa che avevo messo al mondo 11 anni prima.

La pratica preparata dall'avvocata era molto bella, a rileggerla ci è venuto da piangere e abbiamo pensato, "non è per nulla possibile che un giudice non riconosca che questi sono già nostri figli e non solo per noi ma per tutta la nostra comunità, dalla famiglia alla scuola ai vicini di casa." Era ampiamente dimostrato con testimonianze dirette scritte che i nostri figli erano appunto già i nostri figli e che un riconoscimento legale avrebbe dato loro la sicurezza indispensabile a proteggerli in caso di crisi della nostra coppia o in caso di morte prematura del genitore naturale oltre ad agevolarci nella vita quotidiana.

La legge era stata pensata per questo, per mettere al riparo le decine di migliaia di figli nati da coppie omosessuali. Purtroppo alcuni giudici omofobi hanno agito con spirito ideologico e non hanno per nulla tenuto conto dell'interesse supremo del minore. Così a AIx e a Marsiglia, comuni in mano alla destra estrema e roccaforte della manif pour tous, i giudici non hanno accolto la richiesta delle madri con la motivazione seguente: poiché per avere i vostri figli siete andate all'estero per accedere alle pma mentre la legge francese non prevede l'eterologa per single e coppie di donne, siete fuori legge e noi giudici non possiamo accogliere la domanda che si basa su presupposti che lo stato non accetta.

Ora fa notare l'avvocata Mecary, esperta dei diritti delle persone LGBT, la legge francese non vieta espressamente l'accesso all'eterologa. Non c'è dunque delitto di sorta. E comunque non vieta nemmeno che le coppie vadano all'estero per accedere a tecniche non permesse qui.

Così noi eravamo un po' preoccupate quando abbiamo capito che nemmeno il matrimonio era una garanzia per finalmente mettere al riparo la nostra famiglia dagli eventi traumatici della vita e che eravamo, come troppo spesso succede, in balia della buona volontà e dell'umanità dei giudici.

La nostra speranza si reggeva sul fatto che Lille è sede del tribunale che per primo accolse il ricorso di due donne e che c'erano già stati in Francia una ventina di risposte positive.

Il 15 maggio la nostra avvocata ci scrive una mail allegando i provvedimenti del giudice e introduce con "potete stappare lo champagne, i vostri figli sono figli di voi due fin dalla nascita e per l'eternità e da oggi in poi porteranno il vostro doppio cognome collegato con un trattino."

Ecco, 12 anni fa, quando avevo Lisa in pancia, sapevo che la nostra vita sarebbe stata una battaglia per il riconoscimento dei suoi diritti, per veder garantito per lei continuità affettiva e patrimoniale. Ieri abbiamo saltato dalla gioia tutte e tre e Andrea, di 21 mesi, ci guardava spaventato e si chiedeva chiaramente se fossimo impazzite, poi ha cantato anche lui felice senza sapere perché. Lisa è saltata in braccio a sua madre Raphaelle, la prima a prenderla in braccio quando è nata mentre mi riprendevo dal travaglio, e i miei genitori al telefono hanno pensato che nessuno più poteva togliere loro l'ultimo nipotino e che ora anche lui portava il cognome di famiglia.

Ecco siamo una famiglia legalmente. I miei figli riceveranno a breve i nuovi certificati di nascita dove saranno figli ambedue di mamma Giuseppina e mamma Raphaelle e nessuno più ci potrà fare nulla.

Presto chiederemo alla stato italiano di trascrivere i loro documenti, di trascrivere i loro nuovi cognomi, di trascrivere la loro filiazione allo stato civile. E qui che vivono, è qui che crescono come migliaia di altri. Lo stato faccia il suo dovere e al posto di pensare ai voti dei 4 fondamentalisti violenti che lavorano contro la libertà, la responsabilità e l'accoglienza, farebbe meglio a ritrovare un po' di dignità e prendere posizioni chiare.

L'Italia è all'ultimo posto delle nazioni dell'Europa unità per quanto riguarda la tutela e i diritti delle persone Lgbtq. E vorrebbe dare lezioni su ciò che sono i valori dell'Europa ?

Noi intanto ce l'abbiamo fatta. Il 15 maggio 2014 rimarrà così importante per noi nel nostro cuore come il 16 maggio del 1982, il giorno del nostro fidanzamento e ricordo molto chiaramente ancora che dissi alla ragazza 18 enne che amavo "peccato però che non avremo mai figli !"

Felicemente, oggi mi firmo per tutti e quattro,


Giuseppina La Delfa

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO