PUBBLICITA'- RISTORANTE IL FEUDO

BOTTONI [1]

martedì 11 marzo 2014

quote rosa e parità di genere, " i camionisti sono tutti maschi" e altre scuse grottesche

Il dibattito sulla parità di genere ha stimolato nei (tanti) uomini contrari alle quote rosa un florilegio di ragionamenti che spesso sconfinano nel grottesco. A partire dal bollettino di informazione di Forza Italia, Il Mattinale, che nei giorni scorsi spiegava con orgoglio di avere introdotto nel 2003 grazie a Stefania Prestigiacomo una modifica all'art. 51 della Costituzione per promuovere normativamente proprio le quote rosa. Tuttavia, spiegavano contriti gli estensori della nota forzista, non era possibile votare gli emendamenti sulla parità di genere perché il partito di Silvio Berlusconi ora crede fermamente nel "merito delle donne". Abbiamo cambiato idea: quelle brave prima o poi arrivano.

Soprattutto quando c'è un capo (maschio) che sa sceglierle, come spiega Gian Marco Chiocci sul quotidiano romano "Il Tempo": "Non ci piace questa storia della parità di genere perché a voi, come a noi, dà soddisfazione soltanto il merito". E per confermare che questa opposizione ai meccanismi di genere non nasce dal maschilismo, cita la lettera che una sua redattrice gli avrebbe spedito parlando della propria esperienza: "Non sono favorevole alle quote rosa perché un editore ha tutto il diritto di scegliere chi mettere alla guida del suo tg o del suo giornale, e un direttore come te ha tutto il diritto di scegliere a chi dare fiducia". Per grazia ricevuta. E se non è nella redazione di un giornale, capiterà a un professore (maschio) applicare le quote rosa a suo piacimento. Lo ha spiegato in aula Rocco Buttiglione: "Se io sono in una commissione di laurea faccio passare i più bravi. Ma se mi capitasse di far passare sette maschi e tre femmine mi porrei il problema se inconsciamente non sto discriminando".

L'onorevole Pino Pisicchio invece ha spiegato seriamente ai cronisti che il problema delle quote rosa stava tutto nell'assenza delle preferenze all'interno della legge elettorale. Fintantoché l'Italicum prevede liste bloccate, ha detto, "non c'è modo" di garantire una adeguata parità tra maschi e femmine, ma nessuno gli ha chiesto quale fosse la straordinaria qualità magica delle candidate donne per la quale risulta quasi impossibile aumentare la loro presenza in Parlamento attraverso una legge.

Filippo Facci su Libero non comprende come mai si faccia tanto baccano: "I camionisti, anche nei paritari Stati Uniti, in genere sono uomini. E anche gli agricoltori, gli operai edili, gli addetti alle trivellazioni e i tagliaboschi: mestieri che vantano il primato mondiale dei morti sul lavoro". Senza un solo lamento. Non si dica, però, che gli uomini poco amanti delle quote rosa non vogliano bene alle donne. L'onorevole Gianluca Buonanno (leghista) ha indossato una giacca bianca da cameriere per scimmiottare le novanta deputate che avrebbero voluto la parità di genere nell'Italicum: "Io sono contro a queste quote di genere ma non sono contro le donne, anzi dico: viva le donne e per fortuna che esistono". Di più: "Le donne sono migliori. Non hanno bisogno di riserve indiane costruite per legge. Non servono, soprattutto in una stagione come questa", è l'editoriale odierno de Il Giornale.

Non sono mancati i parlamentari femministi come Mario Sberna, appartenente a una delle formazioni più maschili del Parlamento (gli ex montiani) e che improvvisamente vorrebbe abbandonare lo scranno pur di favorire una collega donna: "Signor Presidente, sono di quegli uomini di questo partito che è convinto di essere di troppo qui dentro; di troppo perché siamo in troppi eletti, tanto è vero che, se mi dimettessi, prima di trovare un'altra donna dietro di me bisognerebbe scorrere addirittura cinque posizioni". Come ha ben sintetizzato la deputata Gea Schirò (Scelta civica): " Rimane solo una cruda verità, quella di perdere un po' di "potere"".

Eppure alla Camera non c'è stata una riproposizione della guerra dei sessi: molti uomini si sono schierati a favore delle quote rosa, e alcune donne invece si sono proclamate contrarie. Irene Tinagli (PD) è stata l'unica ad ammettere di non aver mai pensato alla questione: "Io fino a pochi mesi fa non ne ero consapevole, devo essere sincera, e quindi non mi ero mai posta il problema di una parità di genere e della rappresentanza". Un pugno di sue colleghe di partito hanno voluto, purtroppo, puntare sul vittimismo: "Ma noi non siamo casta, siamo cittadini, madri di famiglia che ogni sera sentono i figli e li sentono piangere perché siamo qui e non siamo a casa" ha esclamato Marilena Fabbri. Perché le donne, è risaputo, sono emotive: "In casa si prendono tutti i compiti, sul lavoro tutte le responsabilità, soffrono di più ma tengono botta, hanno ansie e picchi di angoscia, ma non si arrendono" (Luisa Botta).

Un valzer degli stereotipi.


Laura Eduati

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO