BOTTONI [1]

domenica 9 febbraio 2014

attivisti lgbt arrestati a San Pietroburgo








E’ di pochi minuti fa la notizia che a San Pietroburgo 4 attivisti lgbt sono stati arrestati. Tra loro ci sono una donna incinta e Anastasia Smirnova, una delle leader più attive del gruppo LGBT Network.


Gli attivisti sono stati arrestati mentre si stavano facendo fotografare con uno striscione con su scritto “La discriminazione è incompatibile con il Movimento Olimpico. Articolo n. 6 della Carta Olimpica”, in contemporanea con centinaia di simili iniziative che si stanno tenendo in tutto il mondo a difesa e tutela dei diritti della comunità lgbt russa.

“Un fatto gravissimo, che come temevamo, colpisce la libertà di espressione degli attivisti per i diritti umani russi, in palese violazione di tutti i trattati internazionali e degli stessi impegni assunti da Putin rispetto ai Giochi Olimpici invernali di Sochi” dichiara Andrea Maccarrone, Presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli. ”La comunità internazionale non può accettare che queste violazioni cadano sotto silenzio mentre si fa finta di celebrare l’apertura delle Olimpiadi.

Il presidente Letta, già in Russia, deve pronunciare parole chiare e attivarsi per l’immediato rilascio degli attivisti, rifiutandosi altrimenti di presenziare alle celebrazioni.

Se così non fosse la sua presenza a Sochi sarebbe un vero insulto e i suoi impegni di qualche giorno fa suonerebbero vuoti di senso e privi di reale contenuto politico, perché è chiaro ormai a tutti che in Russia gay, lesbiche e trans sono discriminati, vessati e a rischio di aggressioni verbali e fisiche che spesso sfociano in veri e propri atti di violenza gratuita, una situazione inaccettabile e che non può e non deve essere condivisa in alcun modo”.




0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO