BOTTONI [1]

giovedì 9 gennaio 2014

anni '70, Pertini non strinse la mano al Questore di Milano

Dirigeva il carcere di Ventotene ai tempi del fascismo, su di lui l'ombra dell'omicidio Pinelli. Era un'altra Italia.

Poco dopo la strage di Piazza Fontana, Sandro Pertini, comandante della Resistenza e allora presidente della Camera dei deputati, si recò a Milano in visita ufficiale e, incontrando l'allora questore Marcello Guida, si rifiutò pubblicamente di stringergli la mano, ricordando l'attività di Guida come direttore del confino di Ventotene nel ventennio fascista. Fu un gesto che ruppe il protocollo e che ebbe un forte rilievo mediatico. Alcuni anni dopo, alla fine del '73, lo stesso Pertini, intervistato da Oriana Fallaci, aggiunse che a determinare quel gesto fu anche che su Guida «gravava l'ombra della morte» dell'anarchico Giuseppe Pinelli, avvenuta appunto quando Guida era questore di Milano. 

Quell'intervista è indicativa di come il problema dell'affidabilità democratica delle forze dell'ordine e delle forze armate è una costante nella storia d'Italia. Per questo Popoff è andato a ripescare l'intervista prima che vada in onda la seconda puntata della triste fiction revisionista di Rai 1 sugli anni '70, triste e approssimativa sul piano della sceneggiatura e della recitazione. Triste, approssimativa e insidiosa sul piano della deformazione della storia sociale italiana. Appiattire la storia di un decennio sullo stereotipo degli anni di piombo vuol dire negare l'aspirazione delle masse subalterne (che irruppero sulla scena in tutto il mondo) alla liberazione, all'emancipazione, alla giustizia sociale. Pertini, socialista riformista e partigiano, sarebbe divenuto presidente della Repubblica. Era un'altra Italia. Dopo di lui, al Quirinale, sarebbero saliti un banchiere, un picconatore e inventore di leggi speciali e l'uomo che creò i lager per migranti. 

«E' anche un uomo che ha tanto da dire, senza esser sollecitato - scriveva Oriana Fallaci su L'Europeo il 27 dicembre 1973 - infatti non si intervista Sandro Pertini. Si ascolta Sandro Pertini. Nelle sei ore che trascorsi con lui, sarò riuscita sì e no a piazzare quattro o cinque domande e due o tre osservazioni. Eppure furono sei ore di incanto». 

A un certo punto dell'intervista Pertini ricorda come «De Gasperi sbarcò dal governo noi socialisti e si tenne solo i socialdemocratici e fece piazza pulita degli antifascisti che avevamo messo nelle prefetture, ad esempio, nella polizia. Noi avevamo creato elementi nuovi: questori non usciti dal fascismo o addirittura antifascisti, sa? Questori e prefetti che eran stati partigiani, su al nord. Ma lentamente, lentamente, il governo centrale di Roma ce li tolse. E rimise i vecchi arnesi, senza che noi riuscissimo a impedirlo». 

«E il risultato è che oggi la polizia italiana è in gran parte fascista», ebbe a notare la Fallaci. «Oriana, non è che voglia fare il difensore d'ufficio. Ci mancherebbe altro. Ma la colpa non è tutta dei poliziotti e dei carabinieri. La colpa è di chi non gli ha mai spiegato che non devono considerarsi al servizio della classe padronale, che la classe padronale non rappresenta l'ordine. Io gliel'ho detto in tanti comizi, invece: "Non dovete considerare malfattori i lavoratori che scendono in piazza. A parte il fatto che quel diritto gli è concesso dalla Costituzione, essi non sono malfattori. Sono lavoratori che protestano per difendere le loro famiglie. E quindi anche le vostre. Perché anche voi siete figli di contadini, anche voi siete figli di operai. Non lo capite che la classe padronale non scende in piazza perché non ne ha bisogno?". E agli operai ho detto: "Non dovete considerare i carabinieri e gli agenti di pubblica sicurezza come nemici da combattere. Non sono vostri nemici, sono figli di operai e contadini come voi!". Il guaio è che i nostri carabinieri e ancor più i nostri poliziotti si mettono sull'attenti appena vedono un padrone. Sono rimasti al tempo in cui l'autorità era rappresentata dal parroco, dal feudatario, dal maresciallo dei carabinieri e tutti gli altri eran sudditi. Però com'è che, quando gli spiego certe cose, capiscono? Com'è che a Rimini un colonnello di pubblica sicurezza mi ha detto: "Lei ha parlato come si deve parlare, senza asprezza né settarismo. Permetta che le stringa la mano". Com'è che a Saluzzo un maresciallo dei carabinieri ha pianto per la commozione? Io conosco un dirigente della polizia che dice: "Tocca a noi rieducarli, presidente. Da soli non possono rendersi conto che a spingere in piazza gli operai sono i padroni. Abbiamo avuto una polizia borbonica, poi una polizia papalina, poi una polizia fascista. Farli diventare democratici è un lavoro lento, faticoso, ma non impossibile". Oriana, non sono tutti fascisti. Non sono tutti Guida. E lo stesso discorso vale per l'esercito. Non bisogna dimenticare i seicentomila soldati e ufficiali che finirono nei campi di concentramento, i trentamila che vi morirono insieme a settemila carabinieri, la divisione Acqui che combatté a Cefalonia e a Corfù contro i tedeschi, la divisione Sassari che si batté a Porta San Paolo contro i tedeschi, il generale Perotti che fu fucilato insieme a due operai a Torino, gli alpini che andarono coi partigiani di Cuneo. Non devono dimenticarlo nemmeno loro. E, se lo dimenticano, bisogna ricordarglielo!». 

«Sì, più degli sciagurati che volevano ammazzarci (Pertini era nella lista nera di milleseicento antifascisti da liquidare in caso di golpe della Rosa dei Venti, ndr) a me interessano i mandanti: non è possibile che le piste rosse si trasformino sempre in piste nere! Strage di piazza Fontana: il questore Guida annuncia subito la pista rossa, Pinelli e Valpreda, poi viene fuori che è una pista nera. Bomba in via Fatebenefratelli: idem. Episodi di Padova: idem. Ora sono a Padova e non è possibile che si tratti di episodi isolati, indipendenti l'uno dall'altro. C'è dietro un'organizzazione che assomiglia tanto a quelle di altri paesi. Ma è così chiaro che si vuol turbare l'ordine pubblico per ristabilire con la forza l'ordine pubblico! Come coi colonnelli in Grecia, coi generali in Cile. E noi non vogliamo che l'Italia diventi una seconda Grecia, un secondo Cile».


Checchino Antonini

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO