BOTTONI [1]

BOTTONI [2]

martedì 18 giugno 2013

gaypride in Croazia

Situazione simile nella vicina Croazia, che riconosce, con diritti molto limitati, le coppie di fatto. Il Primo Ministro del paese, il socialdemocratico Zoran Milanović, lo scorso anno ha annunciato un progetto di legge per ampliare i diritti previsti dall’attuale normativa, ma si è scontrato con l’opposizione di influenti settori cattolici del paese che hanno raccolto oltre settecentomila firme per inserire nella Costituzione il divieto del matrimonio tra persone dello stesso sesso. 

Per chiedere la parità matrimoniale, dunque, sono scesi in piazza circa quindicimila manifestanti, il gruppo più consistente a oggi. Lo slogan scelto per il Pride è stato In nome di tutte le famiglie e gli organizzatori hanno espresso il loro fermo proposito di non accettare nulla che sia inferiore al completo riconoscimento della nostra famiglia umana e che assicuri dignità, libertà e sicurezza alle nostre famiglie e ai nostri figli.

Il Pride di Zagabria ha avuto un’importanza particolare in vista dell’ingresso della Croazia come ventottesimo stato dell’Unione Europea, ingresso che avverrà il prossimo 1 luglio.

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO