PUBBLICITA'- RISTORANTE IL FEUDO

BOTTONI [1]

martedì 27 novembre 2012

il matrimonio secondo Obama e Cameron, oppure Renzi



“Io non sono d'accordo col matrimonio omosessuale, la penso come quel pericoloso reazionario di Barack Obama; perche' penso che il matrimonio sia l'unione di una donna e di un uomo''. Sono parole di Matteo Renzi, ospite della trasmissione 'Le Invasioni Barbariche' il 29 ottobre 2010.

Il presidente americano, nel frattempo, ha rivisto la sua posizione e si e’ dichiarato a favore del same-sex marriage. Il sindaco di Firenze, attualmente in corsa contro Pierluigi Bersani al ballottaggio delle primarie del centrosinistra, ha aggiornato la sua posizione e nella sua road map per i diritti promette le unioni civili all’inglese nei primi 100 giorni di governo. 

Solo che anche il primo ministro inglese, il conservatore David Cameron, vuole la piena uguaglianza per le coppie dello stesso e conferma la volonta’, gia’ espressa nei mesi scorsi, di un disegno di legge sul matrimonio egualitario entro il 2015. Anzi, secondo la stampa locale, il premier britannico vorrebbe anticipare di molto i tempi e vorrebe arrivare all'ugugalianza dei diritti gia’ nel 2013.

Le coppie dello stesso sesso in Inghilterra possono unirsi siglando una civil partnership, che garantisce una sostanziale parita' di diritti, ma lo stesso governo inglese conservatore e' convinto che sia solo il matrimonio a garantire la piena uguaglianza. 

Cameron si trova cosí a fronteggiare la piu’ forte ribellione all’interno della sua maggioranza. 

Centodiciotto parlamentari, piu’ di un terzo di tutti i deputati, si dicono infatti preoccupati per l’introduzione del matrimonio egualitario. 

I dati mostrano una spaccatura del partito conservatore ed il governo ha dichiarato che lascera’ liberta’ di coscienza alla maggioranza escludendo misure disciplinari per chi votera’ contro. La catena britannica Sky ha intervistato questo fine settimana molti deputati conservatori, che per adesso si rifiutano di votare contro il Governo e ribellarsi a Cameron.

Il problema e' il voto moderato, ma con timori opposti a quelli italiani: per il ministro delle Finanze, George Osborne, sostenitore di Cameron nell'estendere il matrimonio alle coppie omosessuale, una possibile ribellione dei Tory a questo disegno di legge non aiuterebbe ad attrarre voti dal centro. "I sondaggi mostrano che una chiara maggioranza della popolazione e' a favore del cambiamento, soprattutto tra giovani e donne", ha dichiarato Osborne.

Andrea Tornese

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO