BOTTONI [1]

BOTTONI [2]

venerdì 1 giugno 2012

California: il Senato mette fuori legge terapie riparative


Il testo dovrà ora essere approvato anche dalla camera dei Rappresentanti. Vieta il ricorso a terapie riparative in caso di minorenni: "Troppi suicidi di ragazzi convinti di essere malati e sbagliati"

Con 23 voti a favore e 13 contrari il Senato della California ha approvato la legge numero 1172 che vieta l'uso delle cosiddette terapie riparative sui minori nel tentativo di modificare il loro orientamento sessuale.
Il testo, presentato dal senatore Ted Lieu e supportato dalle associazioni e gruppi lgbt della California era invece contrastato dalle organizzazioni che propongono questo tipo di trattamenti.

Durante il suo discorso a favore della legge, il senatore Lieu ha dichiarato che "la comunità medica è uanime nel sostenere che essere gay, lesbica o bisessuale non è una condizione medica" mentre le terapie riparative risultano spesso essere "pericolose e deleterie" e provocano "depressione e sensi di colpa".

Gli ha risposto David Pickup della National Association for research and Therapy of Homosexuality secondo il quale "qualsiasi terapeuta con un po' di sale in zucca sa che sentimenti omosessuali si presentano spesso in perone vittime di abusi. Lo so perché ero uno di quei ragazzi".

Clarissa Filigioun, presidente di Equality California, dopo il voto al Senato ha dichiarato: "Troppi giovani si sono suicidati o soffrono per tutta la vita perché un terapeuta o un consulente gli ha detto, falsamente, che quello che sono è sbagliato, che sono malati o che ciò che sono è il risultato di un fallimento personale o morale. Una legge in questo senso è un atto dovuto da molto tempo e rappresenta il dovere dello stato di proteggere i suoi cittadini, specialmente i giovani, da cattive condotte mediche". Adesso il disegno di legge dovrà essere approvato dalla camera dei Rappresentanti prima di diventare una vera e propria norma.

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO