PUBBLICITA' - WIND

BOTTONI [1]

BOTTONI [2]

mercoledì 13 gennaio 2010

“Svastichella” condannato a sette anni

Si è tenuta oggi l´ultima udienza del processo ad Alessandro Sardelli, detto Svastichella, condannato dal tribunale di Roma a 7 anni di reclusione per l´aggressione, avvenuta lo scorso 22 agosto all´Eur, di due ragazzi gay, uno dei quali venne colpito con un´arma da taglio all´addome, rischiando di perdere la vita.

"Siamo soddisfatti per questa sentenza. Si è fatta giustizia su uno dei crimini a sfondo omofobico più odiosi degli ultimi anni, che ha scosso profondamente l´opinione pubblica e tutta la comunità gay. Il giudice, che, già nella prima udienza, aveva riconosciuto la richiesta di Arcigay Roma di essere ammessa come parte civile nel processo, ha integralmente accolto la richiesta simbolica di risarcimento avanzata da Arcigay Roma e riconosciuta, così, anche la nostra organizzazione, come danneggiata. Anche in questo caso, come per costituzione di parte civile, è la prima volta che avviene nel nostro Paese e rappresenta un precedente importantissimo. Se ci fosse stata la legge contro l´omofobia, la pena sarebbe stata sicuramente più alta.

"Si tratta di un procedimento storico - afferma il responsabile dell´Ufficio legale di Arcigay Roma, Daniele Stoppello - Una pena giusta anche perché è stato confermato l´impianto accusatorio che parla di tentato omicidio ed è stata riconosciuta la pericolosità sociale del Sardelli. Ringraziamo anche il nostro perito, la dottoressa Floriana Loggia, per il lavoro svolto, le cui valutazioni scientifiche sono state integralmente fatte proprie dallo stesso Pubblico Ministero. Il giudice ha liquidato in via provvisionale le due vittime: 10 mila euro per il ragazzo accoltellato, 3 mila euro per il ragazzo colpito alla testa con una bottiglia. Di fronte a una posizione così netta e precisa della magistratura è tempo che anche il Parlamento faccia presto e approvi una legge contro l´odio e le discriminazioni verso le persone lesbiche, gay e trans".

***

Esprimiamo la nostra soddisfazione per la condanna a 7 anni di carcere di Alessandro Sardelli, soprannominato Svastichella, l’uomo che la sera del 21 agosto 2009 aveva insultato, aggredito e ferito gravemente due ragazzi gay che si stavano baciando fuori dal Gay Village a Roma.

In particolare riteniamo importante il riconoscimento da parte del GUP Rosalba Liso del risarcimento di 1 euro simbolico nei confronti del nostro comitato di Roma, che era stato riconosciuto parte civile, in quanto Arcigay, è considerata istituzionalmente organizzazione per la tutela della dignità delle persone omosessuali.

Continuiamo a ribadire al Parlamento la nostra richiesta di estensione della Legge Mancino per il riconoscimento dell’aggravante per i reati d’odio anche alle violenze di stampo omofobico e transfobico.

Aurelio Mancuso [Presidente nazionale Arcigay]

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO