PUBBLICITA' - WIND

BOTTONI [1]

BOTTONI [2]

domenica 24 gennaio 2010

la mostra “omocausto” a Verbania

Arcigay Nuovi Colori Verbania in collaborazione con l'Associazione Casa della Resistenza di Verbania è lieta di presentare, in occasione della Giornata della Memoria la mostra “Omocausto: la persecuzione dei triangoli rosa”.

La presentazione si terrà presso la Casa della Resistenza di Verbania Fondotoce il giorno mercoledì 27 gennaio dalle ore 21:00 all'interno degli appuntamenti previsti per la celebrazioni del “27 gennaio 2010: giorno della memoria della shoah”.

La mostra che rimarrà allestita per tre settimane, si compone di 15 pannelli illustrativi, ripercorre la persecuzione di lesbiche e gay da parte del regime nazista, ed è composta da cinque sezioni: “Il nazismo. L’avvento della barbarie”, “Persecuzione e sterminio”, “Le Lesbiche. L’Omocausto invisibile”, “La persecuzione silenziosa. Gli omosessuali italiani sotto il fascismo”, “Dal dopoguerra ad oggi”.

L'esposizione è un breve ma intenso itinerario storico della tragedia dimenticata e allo stesso tempo un omaggio alla memoria dei 100mila omosessuali perseguitati dal nazifascismo, 15mila dei quali internati nei lager, dove circa 10mila trovarono la morte.

“Siamo orgogliosi di poter presentare anche nella nostra provincia e presso una sede così prestigiosa questa mostra, che ha già riscosso l'apprezzamento del Presidente della Repubblica e ampio gradimento nelle diverse città in cui è stata allestita – dichiara Damiano Tradigo, Segretario Provinciale di Arcigay Verbania. E continua - Il ricordo della persecuzione contro gli omosessuali durante la seconda guerra mondiale, troppo spesso ignorata, deve servire come vivo monito per le nuove generazioni, affinchè il sacrificio dei tanti triangoli rosa possa alimentare quel sentimento di inclusione sociale che tutte le democrazie dovrebbero compiutamente realizzare”.

“La storia ci insegna come siamo ancora lontani dal raggiungere questo obiettivo – prosegue Marco Coppola, Presidente di Arcigay Verbania – infatti ancora oggi in 91 nazioni sono in vigore legislazioni che condannano le persone in quanto omosessuali e tra questi ben sette prevedono la pena di morte."

0 commenti:

PUBBLICITA' - GIORDANO